Lo spirito del 1600, secolo del Barocco, sta tutto nell’altare del Bernini dentro S.Pietro. Imponenza che ispira timore reverenziale. Ornamenti d’oro fastosi, teatrali, magnificenti, volti a distrarci dal nero del marmo. Marmo nero come la peste, nero come la cupezza di un’umanità che ha perso la certezza che tutto giri intorno alla terra. Se perdiamo le poche certezze che avevamo, se non è più vero che l’uomo è al centro dell’universo, ogni altra conoscenza è destinata a diventare effimera ed illusoria. Ma tutto questo possiamo celarlo dietro un’apparenza festosa e roboante. Oro massiccio e marmo nero., gioia e dolore.

Avete mai pensato che gli anni ’80 assomiglino molto al 1600?

.Il secolo precedente era stato eccezionale per l’umanità, che era rifiorita dal medioevo ed innalzato il suo operato fino agli occhi di dio.  Come gli anni ’70 avevano aperto un nuovo orizzonte per l’uomo, una mentalità diversa ed allargata, così il decennio sucessivo fu all’insegna della delusione per la mancata realizzazione degli ideali che si aveva sognato. La fine di un’illusione: così negli anni ’80, così nel barocco.

.Sul fronte politico due forti blocchi si contendevano il mondo. Così nel 1600 nascono gli stati nazionali moderni.

.Ronald Reagan inaugura in America il gusto kitsch: un finto viver bene che nasconde una patina di malinconia. Il lusso per nascondere la tristezza. Oro massiccio e marmo nero.

.Anni ’80 sono sinonimo di nuovi orizzonti economici, soldi facili per tutti. Il 1600 inaugura una stagione di nuove rotte commerciali, che faranno la fortuna di Inghilterra ed Olanda.

E’ curioso vedere come queste due epoche, all’apparenza così distanti, abbiano invece molti punti di contatto. Che sia vero, come ha ipotizzato qualcuno, che la storia sia ciclica?

Annunci