Tra le schiere di coloro che nella vita fanno “ricerca scientifica”, alcuni hanno la fortuna di coltivare un’ossessione. Le teorie, i teoremi e le congetture si affacciano alla loro mente in inaspettate ore del giorno e della notte, non come ospiti sgraditi, bensi’ come una presenza discreta ed ormai familiare. L’ossessione pone spesso una barriera tra la loro mente e quella degli altri, perche’ questo stato di continua astrazione e’ in realta’ anche una continua distrazione, dai fatti ‘terreni’, dall’interesse per l’esterno e per il momento presente. Galleggiando dentro l’astrazione chi ricerca puo’ passare dall’euforia allo sconforto in un attimo, in virtu’ delle idee buone o meno che la sua mente sta congetturando in quel momento.

Ma credere che l’ossessione ti renda il privilegio di fluttuare sopra la realta’ e’ quanto di piu’ lontano dalla realta’ di cio’ che accade. L’ossessionato deve trovare una struttura di cura, detta anche Universtita’ o Centro di ricerca. Il suo scopo e’ appunto prendersi cura, fare in modo che l’ossessione possa prosperare senza l’assillo di carenze contingenti. Ma il contatto con altri ossessionati, e soprattutto con i ricercatori non ossessionati, crea un sistema sociale, la cui stabilita’ e’ regolata dalle stesse dinamiche di qualsiasi ambiente lavorativo.

I giorni nelle mura domestiche, nella ricercata monotonia dello studio e della scrittura, scandita dalle ore di sonno, circondati solo dall’essenziale. I giorni dell’accademia, stressante scontro di ambizioni, misura con l’aspettativa altrui ed i contrastanti effetti dell’empatia. Le dimensioni si alternano, in un dormiveglia il cui comune denominatore e’ un appassionato distacco dalla regola che scandisce le vite degli altri uomini. In particolare la prima dimensione, con i suoi piccoli riti, le ore piacevolmente uguali, l’isolamento e gli stati prolungati di catatonia, la mente che puo’ perdersi nelle divagazioni piu’ frivole senza barriera esterna che possa fermarla, viene colta in maniera molto acuta dal passaggio che oggi vi voglio presentare.

Ne “I reietti dell’altro pianeta” Ursula le Guin descrive con grande realismo (in fondo l’ambiente accademico le era molto familiare) la figura di un uomo, Shevek, che ha la fortuna dell’ossessione. Il suo percorso di formazione lo porta, ad un certo punto della giovinezza, alla consapevolezza che egli non vuole essere altro che un fisico, fare scienza e condividere il talento che egli ritiene di avere per la materia.
Nel suo soggiorno nel pianeta ‘nemico’ Urras, Shevek viene messo nelle migliori condizioni per plasmare la sua teoria unfiicatrice delle due aree della fisica ‘fantascientifica’ del romanzo, la fisica ‘sequenzialista’ e ‘della simultaneita”.

La sua si scopre essere una gabbia dorata, dove le brame di colleghi invidiosi, mecenati pragmatici ed impazienti di impiegare le sue idee per fini poco nobili, lo porteranno allo sconforto. Fino al punto in cui l’ossessione rinasce, prospera e soverchia, tra gli assilli della mente, le angustie degli intrighi e le difficolta’ ‘terrente’: cominciano i giorni delle mura domestiche.

Il cibo, e l’adrenalina, avevano fatto svanire la parilisi di Shevek. Comincio’ a passeggiare su e giu’ per la stanza, nervoso e inquieto. Voleva fare qualcosa. Ormai aveva perso quasi un anno senza fare nulla, oltre che rendersi ridicolo.  Era ora che facesse qualcosa. […]

I suoi ospiti benevoli e protettivi gli permettevano di lavorare, e lo mantenevano mentre lavorava, d’accordo. Il guaio veniva nella terza parte della cosa. E neppure lui era ancora arrivato a quello stadio. Non poteva condividere cio’ che non possedeva.

Ritorno’ alla scrivania, si sedette e prese un paio di ritagli di carta fittamente vergati che teneva nella tasca meno accessibile, meno usata, dei suoi calzoni stretti ed eleganti. Allargo’ con le dita i due ritagli e comincio’ ad osservarli. […]

Di nuov Shevek torno’ a sedersi immobile, con la testa china, e a studiare i due piccoli pezzi di carta su cui aveva annotato alcuni punti essenziali della Teoria Temporale Generale, fin dove arrivava.

Per i tre giorni successivi sedette alla scrivania e fisso’ i due pezzetti di carta. A volte si alzava e camminava per la stanza, o scriveva qualcosa, o usava il calcolatore da tavolo, o chiedeva ad Efor di portargli qualcosa da mangiare o si stendeva sul letto e cadeva addormentato. Poi tornava a sedersi alla scrivania.

La sera del terzo giorno era seduto, tanto per cambiare, sulla panca di marmo accanto al fuoco. […] In quel momento non aveva visite, ma pensava a Saio Pae.

Come tutti i ricercatori di potere, Pae era soprendentemente miope. […] Eppure aveva delle reali potenzialita’ che, sebbene deformate, non erano andate perdute. Pao era un fisico molto astuto. O, piu’ esattamente, era molto astuto nelle cose che riguardavano la fisica. Non aveva mai fatto nulla di originale, ma il suo opportunismo, il senso innato che gli faceva indovinare dove potesse trovarsi un vantaggio, lo prtavano ogni volta al campo piu’ promettente. Aveva il fiuto per dove mettersi al lavoro, esattamente come lo aveva Shevek. […]

Egli aveva cercato a tentoni di afferrare in pugno la certezza, come se si trattasse di qualcosa che si potesse possedere. Egli aveva preteso una sicurezza, una granzia, che non e’ data, e che, se fosse data, diverrebbe una prigione. Prendendo come semplice assunto, come postulato, la validita’ della coesistenza reale, gli si offriva la possibilita’ di usare le belle geometrie della relativita’; e di li’ sarebbe stato possibile andare avanti. Il passo successivo era perfettamente chiaro. La coesistenza della successione poteva venire trattata con uno sviluppo in serie di trasformate di Saeba; con questo modo di affrontarle, la successivita’ e la presenza non presentavano alcuna antitesi. […] Come aveva potuto fissare in faccia la realta’ per dieci anni senza vederla? Non ci sarebbe stata alcuna difficolta’ nell’andare avanti da li’. Anzi, egli era gia’ andato avanti. Era gia’ arrivato. […] :a visione era chiara e integra. Cio’ ch’egli evedeva era semplice, piu’ semplice di ogni altra cosa. Era la semplicita’: e in essa era contenuta ogni complessita’, ogni promessa. Era la rivelazione. Era la strada sgombra, la strada di casa, la luce.

[…] continuo’ a guardare, e ad andare sempre piu’ avanti, con la stessa gioia infantile, finche’, d’improvviso, non pote’ piu’ andare avanti; torno’ indietro e guardandosi intorno, attraverso le lacrime vide che la stanza era buia e le alte finistre erano piene di stelle.
Il momento era andato; ed egli l’aveva lasciato andare. Non cerco’ di afferrarsi ad esso. Sapeva di esserne parte, non il momento parte di lui. Egli gli era affidato.
Dopo qualche tempo, si alzo’ con ancora un brivido ed accese la lampada. […] Si reco’ nella stanza da letto, camminando lentamente e con passo leggermente incerto, e si lascio’ cadere sul letto senza spogliarsi. Vi giacque con le braccia dietro la testa, di tanto in tanto prevedendo e risolvendo un particolare o l’altro del lavoro che occorreva fare, assorto in un solenne e deilizioso stato di ringraziamento, che gradualmente sfumo’ in una serena fantasticheria, e infine in sonno.

Dormi’ per dieci ore. Si desto’ pensando alle equazioni che avrebbero espresso il concetto di invervallo. Si mise a tavolino e comincio’ a lavorare su di esse.  Quel pomeriggio […] ando’ a pranzare alla mensa degli Anzioni di Facolta’ e parlo’ con i colleghi laggiu’ incontrati dle tempo e della guerra, e degli altri arogmenti ch’essi portarono all’attenzione. Se essi notarono qualche cambiamento in lui, egli non se ne accorse, poiche’ non era realmente consapevole della loro presenza. Torno’ alla sua stanza e lavoro’.  

Annunci