Le mail di spam sono tedio e sollazzo della nostra quotidianità. Vi siete mai messi ad analizzarle? Ne esistono in effetti di molti tipi e differenti gradi di contraffazione.

Il genere più semplice e diretto, quasi sconcertante, è la richiesta di amicizia:

HelloI’m miss Rose, interested in you and i wish to have you as my friend, for a friend is all about Respect, Admiration, love and passion. Also friendship is consist of sharing of ideas and planing together, i intend to send you my picture for you, if you reply me.

Thanks from Rose.

Se non altro, non c’è una immediata richiesta di denaro. La maggioranza invece cerca di attirare l’attenzione con la prospettiva di un facile guadagno.
Questa tipologia include gli spam ‘primitivi’, che sfoggiano un imbarazzante uso di traduttori automatici:

buon amicoAlla ricerca di qualche pazzo doni per la vostra famiglia, per i vostri amici e ai vostri clienti: i prodotti della nostra azienda hanno computer, telefoni cellulari, fotocamere digitali, GPS e Moto, la maggior parte dei prodotti sono venduti a prezzi all’ingrosso, troverete molte occasioni qui . E abbiamo una promozione delle vendite da ora in poi, acquistare più, risparmiare di più e ottenere di più!
Si prega di contattare con noi.
Il sito web è: xxxx
Spero che tu possa godere per lo shopping!
     Felice la vostra famiglia e la vostra attività.
e-mail: xxx
è inoltre possibile fare clic sul sito e collegarsi con il servizio online. Grazie per il vostro sostegno. 

Una tipologia un po’ più sofisticata è lo spam bancario, che tenta di catturare dati sensibili paventando disastri finanziari e gravi irregolarità fiscali, naturalmente con un linguaggio paludato che possa spaventare i meno avveduti.

Dear Client,

Wells Fargo Bank detected irregular activity on your account on
December 20, 2011. For your protection, you must update some information
before you can continue using your account.

To update your account information please follow the procedure
by clicking the link bellow:

http://signin-welsfargo.bij.pl/

Failing to update your information will result the account suspension.

Quality, service and the security of your account are of great importance
to us. We appreciate each opportunity to serve you.

Sincerely,
Customer Service 

Più divertente è il tema ereditiero:

Dear friend,
I am Mrs Diani Kaborii solicitor at law. I have an important message for you concerning the death of my client in respect of his fund US$10.5 million he left behind in a bank here in my country (Ouagadougou Burkina Faso) so that i can front you as his kin so that you can apply for the claim of his estate while i back you up with information’s.
Please send your full name and address your private Email Address and phone number for more details and follow-up documentation to start off the claim.
I am seriously waiting for your urgent reply.
Thanks,

In questo caso specifico il tentativo di raffinare la contraffazione è abbastanza maldestro: non sono certo termini come ‘seriously’ e ‘urgent’ che convincono dell’effettiva urgenza della trattativa. Così come è curioso notare la provenienza africana di quasi tutti gli avi da cui ereditiamo tali fortune.
Di una seconda eredità mi ha informato di recente una certa Mrs.Gloria, che certo ha più fantasia. Mi racconta infatti di una raccolta fondi per riscattare una eredità di svariati milioni di dollari, bloccata in Costa D’Avorio dalla guerra civile. Una volta recuperata il ricco fondo mi assicura che investirà in ” lucrative businesses” e mi passerà una generosa mancia per il mio aiuto.

 

Ma intendo concludere l’aneddotica con lo spam più interessante di tutti, una tipologia che ancora non conoscevo, fino a stamattina: lo spam accademico.

Dear Mio nome e cognome,

I am writing on behalf of the International publishing house, LAP Lambert Academic Publishing.

In the course of a research on the University of Amsterdam, I came across a reference to your work in the field of Logic, Language and Computation.
We are an International publisher whose aim is to make academic research available to a wider audience.
LAP Publishing would be especially interested in publishing your work in the form of a printed book.

Your reply including an e-mail address to which I can send an e-mail with further information in an attachment
will be greatly appreciated.

I look forward to hear from you!

Kind regards/Freundliche Grüße
Ms. Elena Alexei

Acquisition Editor

LAP LAMBERT Academic Publishing GmbH & Co. KG
Heinrich-Böcking-Str. 6-8
66121, Saarbrücken, Germany

Fon +49 xxxxxxxxxxx
Fax +49 xxxxxxxxxxx
xxxxxi@lap-publishing.com / www.lap-publishing.com

Handelsregister Amtsgericht Saarbrücken HRA 10752
General unlimited partner: VDM Management GmbH
Managing directors: Thorsten Ohm (CEO), Dr. Wolfgang Philipp Müller, Esther von Krosigk

Gli indizi dello spam ci sono tutti: il tono generico, l’uso di qualche dato personale (ma pubblico) per aumentare la propria credibilità, la richiesta di informazioni ridicole (chiedono un indirizzo email, quando già hanno scritto al mio indirizzo tale messaggio).
Tuttavia qualche dubbio sorge. Non tutti i riceventi sono interessati a pubblicare materiale accademico. Invece il search engine di questa organizzazione è sufficientemente sofisticato per individuare i riceventi che potrebbero effettivamente rispondere a tale profilo.
Inoltre, sorpresa, la LAP LAMBERT esiste davvero, con tanto di sito e libri in vendita nei negozi online.

Dove sta allora l’inghippo? Beh, in realtà non c’è un vero inghippo. Stampano libri per davvero. Qualche ricerca mi ha portato a concludere che il loro tornaconto consiste nel far comprare i libri a parenti ed amici del ricevente.
Si tratta dunque di un procedimento del tutto legale, che sfrutta semplicemente la vanità delle persone.
(A questo punto mi sento offeso, perchè la mia individuazione da parte del loro search engine sembra implicare che necessito di tale espediente per vedere le mie ricerche pubblicate 😛 )

In definitiva lo spam accademico rientra nel più complesso fenomeno dell’editoria a pagamento. C’è una industria editoriale sotterranea, retta dal principio per cui tutto è meritevole di essere stampato, soprattutto quando il guadagno non viene dalle vendite. Di solito funziona così: l’autore è un vanaglorioso oppure uno scrittore frustrato dagli insuccessi, convinto che la lobby delle case editrici gli abbia ingiustamente voltato le spalle. Perciò accetta di pubblicare la sua opera a proprie spese, convinto del successo. A quel punto l’editore intasca, stampa e non vende. Perciò contatta l’autore per comunicargli che gli dispiace, il pubblico non è pronto, la crisi, insomma il libro non ha venduto e quindi la maggior parte delle copie andranno al macero. A quel punto, a nessuno piace vedere il frutto dei propri sforzi in polvere, perciò l’autore si offre di ricompare a prezzo di saldo parte della propria opera. Altro guadagno.
Spesso il libro non passa nemmeno dal circuito delle librerie, se non ‘per finta’, con l’aiuto di qualche libraio complice del raggiro.

Va bene, questo scenario a tinte fosche è leggermente romanzato, ed il più delle volte assume contorni assolutamente legali, al di là del malcostume. Ma in gradazioni diverse il fenomeno esiste ed ha una sua (a volte anche soddisfatta) clientela.
Ora, quale ambiente più di quello accademico accoglie vanagloriosi con tante scartoffie da pubblicare? La LAP LAMBERT ha avuto una grande intuizione. Chissà se anche loro si sono ispirati alla casa editrice Garamond del Pendolo di Focault.

Annunci